Comunità Neocatecumenali

Il Cammino Neocatecumenale è un percorso di iniziazione cristiana per adulti che nasce nelle parrocchie attraverso piccole comunità cristiane. È un cammino di riscoperta della ricchezza immensa della fede.
Iniziato negli anni ’60 da due spagnoli: Kiko Arguello, pittore e Carmen Hernandez, formatasi presso l’Istituto delle Missionarie di Cristo Gesù e laureata in Teologia. Dopo una crisi esistenziale, Kiko scoprì nella sofferenza degli innocenti, il tremendo mistero di Cristo Crocifisso, presente negli ultimi della terra. Quest’esperienza lo portò ad abbandonare tutto e, seguendo le orme di Charles de Foucauld, andò a vivere tra i poveri delle baracche nella periferia di Madrid. Il temperamento artistico di Kiko, la sua esperienza esistenziale e la sua formazione come catechista ben si coniugarono con l’impulso evangelizzatore di Carmen, la sua preparazione teologica, così come la sua conoscenza del Mistero Pasquale e del rinnovamento del Concilio Vaticano II, costituirono l’humus che diede vita all’annuncio dell’amore di Dio , proprio a partire dagli ambienti più poveri della terra, testimoniando e annunciando l’amore che Egli nutre per ciascun uomo, indipendentemente dal suo ceto sociale, dalla sua cultura o dalla sua storia personale.
Il fulcro del Cammino è l’annuncio che la Chiesa ha sempre fatto, che Gesù è morto e risorto per ciascun uomo, perché lo ama di un amore immenso, che non si scandalizza, non giudica, non condanna. Il germe di questo annuncio, nato nelle baracche madrilene e benedetto dall’allora arcivescovo di Madrid, mons. Morcillo, si è poi diffuso nelle parrocchie della Spagna e, successivamente di tutto il mondo. Il percorso proposto dal Cammino, basato su tappe fondamentali per la riscoperta del battesimo, è stato definitivamente approvato dalla Santa Sede, con la stesura degli Statuti nel maggio del 2008.
Oggi il cammino è presente in 105 paesi dei cinque continenti con circa 17 mila comunità.

20
Nov

La bellezza salverà il mondo!

Bramare la felicità, desiderare la gioia di vivere, ricercare la bellezza. Quale bellezza? Non quella effimera dell’aspetto fisico, del successo, del potere che questo mondo a volte ci propina, ma […]