E’ il tempo dell’attenzione

“Avvento è il tempo magnifico che sta tra il gemito delle creature e la venuta di Signore, lunga ora tra le doglie e il parto.
Tempo per guardare in alto e più lontano, per essere attenti a ciò che sta accadendo.
Noi siamo così distratti, che non riusciamo a gustare i giorni e i mille doni.
Per questo non siamo felici, perché siamo distratti.
I giorni di Noè: mangiavano e bevevano gli uomini in quei giorni, prendevano moglie e marito.
Ma che facevano di male? Niente, erano solo impegnati a vivere.
Ma a vivere senza mistero, in una quotidianità opaca: e non si accorsero di nulla.
È possibile vivere così, senza sapere perché, senza accorgersi neppure di chi ti sfiora nella tua casa,
di chi ti rivolge la parola;
senza accorgersi di cento naufraghi a Lampedusa, di questo pianeta depredato,
dei germogli che nascono.
Il tempo dell’Avvento è un tempo per svegliarci, per accorgerci.
Il tempo dell’attenzione.
Attenzione è rendere profondo ogni momento.
Due uomini saranno nel campo, uno verrà portato via e uno lasciato.
Non è dell’angelo della morte che parla il Vangelo, ma di due modi diversi di vivere nel campo della vita: uno vive in modo adulto, uno infantile;
uno vive affacciandosi sull’infinito, uno è chiuso solo dentro la sua pelle;
uno è chino solo sul suo piatto, uno è generoso con gli altri di pane e di amore.
Tra questi due uno è pronto all’incontro con il Signore, quello che vive attento, l’altro non si accorge di nulla.
Se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro…
Mi ha sempre inquietato l’immagine del Signore che viene di soppiatto come un ladro nella notte. Cerco di capire: Dio non è un ladro di vita, e infatti non è la morte che viene adombrata in questa piccola parabola, ma l’incontro.
Il Signore è un ladro ben strano, non ruba niente, dona tutto, viene con le mani piene.
Ma l’incontro con Lui è rapinoso, ti obbliga a fare il vuoto in te di cento cose inutili, altrimenti ciò che porta non ci sta.
Mette a soqquadro la tua casa, ti cambia la vita, la fa ricca di volti, di luce, di orizzonti.
Io ho qualcosa di prezioso che attira il Signore, come la ricchezza attira il ladro:
è la mia persona, il fiume della mia vita che mescola insieme fango e pagliuzze d’oro,
questo nulla fragile e glorioso cui però Lui stesso ha donato un cuore.
Vieni pure come un ladro, Signore, prendi quello che è prezioso per te, questo povero cuore.
Prendilo, e ridonamelo poi, armato di luce.”

(Padre Ermes Ronchi)