La via dell’imperfezione!

La santità è riservata solo a chi è virtuoso e perfetto? I poveri, i peccatori, con le loro ferite e le loro cadute, possono aspirare a diventare santi? Nella parabola degli invitati al banchetto di nozze, Dio vuol riempire la sala proprio con quelli che vivono “lungo le siepi”: gli emarginati, i fragili, gli alcolisti, i drogati che riconoscono le loro dipendenze e si aprono alla misericordia di Dio nell’umiltà e nella verità. L’unica via indicata da Gesù per entrare nel suo Regno è quella dell’infanzia, della discesa nella debolezza, la via della fiducia e dell’abbandono. Il santo è uno che riconosce di essere un peccatore in stato di conversione; così il peccatore, per quanto debole, è chiamato a riconoscersi un potenziale santo. “Per guadagnare Dio bisogna prima perdere tutto. Il cammino dell’anima è una discesa.” (Divo Barsotti).