Seguite le mete alte che vi indica!

 

“E’ lungo i sentieri dell’esistenza quotidiana che potete incontrare il Signore!
E’ Gesù che prende l’iniziativa, è Lui, infatti, che da sempre ci ama per primo. Che ci viene incontro così che possiamo conoscerlo.
Questa è la fondamentale dimensione dei cristiani: i cristiani non hanno a che fare con qualcosa, ma con Qualcuno, con «il Vivente».
I cristiani non sono i discepoli di un sistema filosofico: sono gli uomini e le donne che hanno fatto, nella fede, l’esperienza dell’incontro con Cristo, così come si incontra un amico, una persona cara.
Non abbiate paura di avvicinarvi a Lui, di varcare la soglia della sua casa, di parlare con Lui faccia a faccia, come ci s’intrattiene con un amico.
Non abbiate paura della «vita nuova» che Egli vi offre.
E’ vero: Gesù è un amico esigente che indica mete alte, chiede di uscire da se stessi per andargli incontro, affidando a Lui tutta la vita.
Questa proposta può apparire difficile e in alcuni casi può far anche paura. Ma, vi domando, è meglio rassegnarsi ad una vita senza ideali, ad un mondo costruito a propria immagine e somiglianza, o piuttosto cercare generosamente la verità, il bene, la giustizia, lavorare per un mondo che rispecchi la bellezza di Dio, anche a costo di dover affrontare le prove che questo comporta?
Abbattete le barriere della superficialità e della paura! Riconoscendovi come uomini e donne «nuovi»!”

(Papa San Giovanni Paolo II)