“Sono alla porta e busso”

 

C’è un quadro che rappresenta Gesù in un giardino buio.
Con la mano sinistra alza una lampada che illumina la scena.
Con la mano destra bussa ad una porta pesante e robusta.
Quando il quadro fu presentato per la prima volta ad una mostra, un visitatore fece notare all’autore, il pittore William Holman Hunt, un particolare curioso.
– “Nel suo quadro c’è un errore. La porta è senza maniglia!”
– “Non è un errore!” – rispose il pittore.
– “Quella è la porta del cuore umano. Si apre solo dall’interno!”
Che questo periodo di Quaresima sia per noi un tempo in cui riusciamo ad ascoltare il delicato e tenero tocco di Gesù alla porta del nostro cuore.
Regaliamoci del tempo per ascoltare cosa abbiamo nel cuore, quali sono i desideri profondi che lo abitano.
In questo primo venerdì di quaresima diamo alla nostra vita la possibilità di far entrare chi può davvero renderci felici.