Come dono prezioso

“E fu così che la saggezza infinita dall’inizio dei tempi pensò di donarti questa croce,
come dono prezioso la vide,
con il suo sguardo sapiente la concepì,
con il suo divino intelletto permeandola di celeste generosità la misurò,
affinché le sue dimensioni non eccedessero di un solo millimetro,
ne calcolò il peso fino all’ultimo grammo,
la tua croce unta dalla sua grazia divina,
impregnata dalla sua celeste consolazione,
la tua croce scese dal cielo come un saluto del padre,
come un obolo prezioso del suo generoso amore.”
(scritta nel monastero della Beata Colomba, Perugia)